Our Blog / Nuovi modelli, notizie, gare e manifestazioni.

marchal-enduro

Ottima e convincente prova delle moto AJP alla 36esima edizione della 12 ore di La Chinelle, la più importante gara di moto enduro in Belgio che ha visto quest’anno la presenza di oltre 100 diversi team e 300 piloti.
La storica gara, che si svolge nel Belgio meridionale, si corre per tutta la prima metà in notturna, lungo un percorso difficile e non illuminato da luci artificiali.

I vari team devono quindi svolgere un lavoro supplementare per introdurre modifiche e soluzioni tecniche che permettano ai piloti di gareggiate con la migliore visibilità possibile. Le nostre AJP PR5 Extreme 250 guidate dal campione del Belgio BTT Elise Marchal, dal giornalista di motociclismo Benjamin Delacenserie e dal pilota ufficiale della scuderia AJP André Martins, sono state modificate in Francia dallo specialista Sébastien Viallard, e hanno montato un kit con fari a led con una potenza totale di 6000 lumen.

Le qualifiche libere e a cronometro si sono svolte il sabato, e il team AJP ha portato a casa un buon 26esimo posto nella classifica assoluta (non ci sono classi differenti alla La Chinelle). Un ottimo risultato considerando che André Martins era alla prima esperienza in questa gara.

Enduro Notturna

La partenza era fissata per la mezzanotte di domenica, con i piloti allineati in una griglia sullo stile della ‘Le Mans’.
La PR5 inizia bene e si mantiene per la prima parte della gara tra le prime 30 posizioni. Un incidente durante la terza ora di gara causa però la rottura del pedale del freno posteriore, costringendo il nostro pilota ad una lunga sosta ai box e a ritornare in pista con tre giri di ritardo. Nonostante l’inconveniente il team torna in gara con convinzione e recupera un gran numero di posizioni. Purtroppo un nuovo incidente alla sesta ora di gara costringe i piloti ad una nuova sosta ai box: identico il problema, sempre al pedale del freno posteriore, e nuovi tre giri persi.

A parte questi due sfortunati incidenti la PR5 non ha avuto alcun problema meccanico ed ha concluso ottimamente questa durissima 12 ore alla 66esima posizione, tornando ai box, come da regolamento, solo per cambiare pilota e rifornirsi di benzina. Una ennesima dimostrazione che una buona moto ‘leisure’ per amatori può anche essere una moto da corsa competitiva.

la chinelle enduro

Al termine della gara Pascal Gervais, importatore di AJP in Belgio, è parso molto contento: ”Per il nostro brand era molto importante partecipare a questa gara, ed il risultato è stato ampiamente positivo.
Il team ha lavorato molto bene in funzione del nostro obiettivo, che era quello di dimostrare che la PR5, nonostante sia stata progettata e costruita per il tempo libero e non esclusivamente per le corse, grazie alla sua grande facilità di guida e ad un ottimo bilanciamento risulta competitiva in gare lunghe 12 ore.
Sono sicuro molti piloti potranno ottenere in gara gli stessi risultati, se non migliori, in sella alla PR5 piuttosto che alla guida di modelli più potenti e meno maneggevoli.”

» Guarda tutti i modelli AJP PR5

So, what do you think ?